8X02 “THE BLOOD RED DRESS”

Previously On Pretty Little Liars…

Hadley : Non bere Claire o ci dirai tutti i tuoi segreti più nascosti.
Addison : Beh ma le amiche servono a questo, a condividere i segreti. Bevi pure
Willa : E’ scomparsa…
Hadley : Che intendi dire, in che senso è scomparsa ?
Willa : L’ho cercata ovunque, credo di aver sentito un urlo.
Dom : Sono Dom Ducati, il vostro professore di musica.
Claire guarda il professore e sa di averlo già visto mentre riceve un messaggio
“Certi volti non si scordano, vero Raquel ? – B”
Il telefono di Willa squilla e arriva un messaggio

“ Non so come dirtelo, ci sto provando da anni ma non trovo il coraggio…”

Willa si emoziona così tanto che le cade il telefono a terra e Ava va da lei
Ava : Willa, tutto bene ?

Willa : Si, devo andare a casa, mio padre mi aspetta.
Prima di andarsene, recupera il cellulare  e arriva un secondo messaggio…
“Lei non ti amerà mai, povera Willa – B”.

Hadley scappa e arriva un messaggio sul cellulare di Ava
“Le amiche non parlano, le macchinette si, purtroppo per te – B”.

Hadley prende l’enciclopedia ma fa cadere un album di foto. Lo prende in mano e ci sono foto di lei e suo padre.
Sta quasi per avere le lacrime agli occhi quando arriva un messaggio sul suo cellulare con una foto del padre con la sua nuova figlia.
“Sembra che tu sia stata rimpiazzata – B”

Spencer : Eh ragazze purtroppo ho pessime notizie : mi ha chiamato Mona dicendomi che Alex e Mary sono scappate dal suo covo in Francia e mi aspetta per andarle a cercare
Aria : Purtroppo Spencer non sarà l’unica a partire…
Ezra : Come sarebbe ?
Aria : Devo andare in Papuasia a conoscere nostro figlio
Hanna : Ma Caleb… andiamo in Irlanda ??
Caleb : No, andrai tu da sola… altro che lavorare, devi rilassarti e pensare al bambino. Ti prometto che ti creerò la migliore app di sempre.
Hanna : Oh Caleb che bel pensiero, ma sarà pronta in pochi giorni vero?
Caleb : Si, assumerò qualcuno e mi farò aiutare.
Poliziotto : Ho trovato qualcosa… venite…
Il detective Straight si avvicina e vede un cane che scavando ha trovato una mano.
La mano ha il braccialetto di Addison.

Brad : Abbiamo trovato il cadavere di Addison Derringer.
Brad : Vi consiglio di non lasciare la città, scoprirò chi l’ha uccisa.
Ava : Ma quello è….
Claire : Shhhhh
Hadley : Il vestito rosso di Addison…
Willa : Ragazze ma è bagnato… oh mio Dio ma questo è sangue !
In quel momento squillano i quattro telefoni
Tutte : “Sono tornata, so tutto e vi distruggerò una volta per tutte –B”

pretty little liars
ESTERNO – ROSEWOOD – GIARDINO DI ADDISON

Le ragazze hanno appena ricevuto il messaggio e iniziano a chiedersi che cosa voglia dire. Hanno ancora il vestito rosso insanguinato di Addison in mano.

Claire : B ? E’ tornata ? Ma che vuol dire ?
Willa : Ho sentito che ci sono state delle ragazze che sono state tormentate per anni da una certa -A
Hadley : Questo significa che noi siamo le prossime ?
Ava : No non saremo le prossime, perché il gioco finisce qui, prendiamo il vestito e andiamocene.
Claire : Ma sei pazza, Ava ? E’ pieno di sangue, non sappiamo di chi sia questo sangue.
Willa : Però ormai lo abbiamo toccato, è una prova contro di noi
Hadley : Ma noi non abbiamo fatto niente di male
Ava : Lo so Had ma Addi è morta e questo è il suo vestito. Se lo lasciamo qui, lo troverà il detective Straight e indagheranno su di noi.
Willa : Ava ha ragione, il vestito non può rimanere qui.
Claire : Io di certo non lo posso tenere a casa, mia madre lo troverebbe subito
Hadley : Che facciamo ? Non abbiamo molto tempo. Stanno tornando con la scientifica.
Ava : Lo prendo io, so dove nasconderlo in sala giochi c’è uno scomparto segreto.
Claire : Si ma questa storia non mi piace, ce ne dobbiamo disfare a tutti i costi…
Ava : Hai ragione, ma ora è tardi per pensare, dormiamoci su e domani avremo la soluzione
Hadley : Buona idea, se non è un problema per te, domani sul tardo pomeriggio veniamo tutte lì e capiamo che fare. Che ne dite ragazze?
Ava : Un problema ? Sarà come tornare ai vecchi tempi, finalmente. Mi siete mancate !
Willa : Anche tu Ava, per me va bene
Claire : Si, sono d’accordo
Ava : Allora a domani ragazze…
Tutte : A domani

SIGLA

INTERNO – ROSEWOOD – PUB

 


Caleb, Toby e Ezra stanno bevendo al tavolo una birra.

Caleb : Allora Ezra, come procede l’adozione , hai sentito Aria ?
Ezra : No, sembra come se fosse dall’altra parte del mondo in un bunker segreto, non si fa sentire, nessun messaggio, nessuna chiamata. Nulla… mi chiedo se sia ancora viva.
Caleb : Ah, pure la mia dolce Hanna, in questo momento sono appena 58 secondi da quando non mi ha scritto un messaggio.
Toby : Ma dai, non ci crederò mai che ti chiama così spesso.
Il telefono squilla ed è un messaggio di Hanna.
Tesoro mio, mi manchi, ma l’app è mica pronta ? voglio sapere se posso mangiare l’olio di semi… qui insistono che posso mangiarlo ma io ricordo di no.
Toby : Ma quindi non scherzavi ! Amico deve essere proprio una palla !
Ezra : Ma l’app è pronta ??
Caleb : Amico ma ti ci metti pure tu, non solo non è pronta ma non ci riuscirò mai a finire tutto da solo.
Toby : Ma non avevi messo un annuncio online ?
Caleb : Si ed è venuta gente che pensa che per aggiornare la pagina bisogna premere prima F e poi 5.
Ezra : Sai, forse ti posso aiutare, posso chiedere sul set se qualcuno conosce uno alla tua altezza.
Toby : Anche una…
Caleb lo guarda male
Toby : Scusate da quando Spencer è partita, ho l’ormone a mille.
Ezra : Puoi sempre chiamare Alex ahahahahahahahah
Toby : Tu amico ci scherzi ma quella ragazza era il top, non mi ero accorto che non fosse Spencer perché pensavo che finalmente avesse visto dei porno
Caleb : Ammazza ci sapeva così fare Alex ?
Toby : Raga, una bomba, anche se ultimamente anche Spencer è diventata molto più dominatrice…
Caleb : Ah vedi Ezra, basta una birra e Toby diventa un libro aperto…
Toby : Se dite queste cose a Spencer, vi ammazzo.
Ezra : No, sono i nostri segreti maschili questi…
Ezra (imitando Alison) : Gli amici condividono i segreti, ecco cosa ci fa essere amici.
Caleb : Amico, sei troppo sexy con quella voce….
Toby : Ok siete partiti pure voi, è ora di tornare a casa…. Chiamiamo un taxi.
INTERNO – ROSEWOOD – SALA GIOCHI

MV5BZDAzM2Y2NWItZDNlMS00NWM4LWJmOGEtMTA1ODEyYzdkYTExXkEyXkFqcGdeQXVyNjIwNjE5OTI@._V1_UX214_CR0,0,214,317_AL_ (1)

Ava

 

Vediamo Ava al lavoro

Impiegato : Ava, chiudi tu ? Ti dispiace ?
Ava : No ci penso io, ho alcune cose da gestire ancora
Impiegato : Sei un tesoro, vado a casa, a domani
Ava : A domani

Quando sono andati via tutti, Ava prende il vestito rosso di Addison dal suo zaino e lo mette dentro uno scomparto dietro la cassa e poi chiude la porta della sala giochi.
Qualcuno nell’ombra la spia mentre chiude la porta.

INTERNO – ROSEWOOD – CASA ROSE

Willa sta facendo colazione con suo padre Luc.

 

Luc : Willa vuoi dell’altro latte ?
Willa : No sto apposto così papà, grazie.
Luc : Dai che oggi ti accompagno a scuola
Willa : Non c’è bisogno papà, ma non vai a lavoro ?
Luc : Si, ma entro alla terza ora. Mi vedo con Giordana alle 10, ho tutto il tempo
Willa : Giordana ? quando ti deciderai a chiederle di uscire ?
Luc : No, nulla di tutto questo, ci dobbiamo vedere per parlare di Framinzio
Willa : E chi è Framinzio ?
Luc : Suo figlio, che ieri si è dichiarato gay.
Willa : Ah… (le cade il cucchiaino a terra). Che maldestra che sono!
Luc : Insomma, si è dichiarato gay ed è chiaro che va curato, esistono dei centri predisposti a questo genere di problemi.
Willa : Problemi ?
Luc : Si, tesoro, non è il tuo caso per fortuna, non ho mai fatto errori io nonostante qualcuno mi abbia lasciato perché si sentiva trascurata.
Willa : Dai papà, lavoravi troppo, non c’eri mai a casa, le davi sempre buca.
Luc : Ma tu sei piccola, cosa vuoi capirne di queste cose ? Le donne come Margareth vanno messe in riga, se poi scappano, significa che non sono quelle giuste.
Willa : Ehm vado a scuola…

Il telefono di Willa squilla e arriva un messaggio

“Povera Willa, ho sentito che in quei centri sai che entri ma non sai se esci – B”

INTERNO – ROSEWOOD – LICEO DI ROSEWOOD

 


Le ragazze sono nel corridoio del liceo

Claire : Allora avete dormito ?
Willa : No, continuavo a sognare noi al commissariato
Ava : Ma non accadrà, il vestito l’ho custodito per bene
Hadley : Ragazze, io dopo la scuola pensavo di passare a casa di Addi a fare le condoglianze a suo padre Sean, qualcuna di voi vuol venire ?
Willa : No, mi sentirei a disagio
Ava : Non saprei che dire, mi mancano le parole in questi casi
Claire : Falle anche da parte nostra, ragazze ci vediamo verso le 19 in sala giochi vero?
Hadley : Si, a più tardi.

INTERNO – ROSEWOOD – CASA DI ADDISON

 

 


Sean : Oh Hadley, che piacere vederti
Hadley : Signor Derringer, sono qui per farle le mie più sentite condoglianze
Sean : Sei molto cara, Hadley, sono rimasto sconvolto da quando è stato trovato il corpo.
Hadley : Lo siamo tutte, le altre non sono potute venire ma le fanno le condoglianze
Sean :  Avevo avuto la speranza che fosse solo scomparsa e invece la storia si è ripetuta.
Prima mia moglie Gina e poi mia figlia Addison. E’ proprio una maledizione.
Hadley : Mi dispiace tantissimo, signor Derringer, vorrei poter fare qualcosa…
Sean : Ti prego di parlare di lei al funerale, voi tutte dovete parlare di lei al funerale. Si è detto tanto su mia figlia, tutte bugie, era solo una ragazza che voleva sentirsi amata.
Hadley : Si, lo farò, anzi lo faremo. Ora però devo andare, mi aspetta mia madre a casa.
Sean : Certo, grazie di essere passata, lo apprezzo molto.
Hadley : Le auguro il meglio, signor Derringer.

Il telefono di Hadley squilla e arriva un messaggio…

“Complimenti, la D’Urso sarebbe orgogliosa di voi – B”

INTERNO – ROSEWOOD – SALA GIOCHI

 

 

 

Willa : Sono terrorizzata, ragazze
Hadley : Io sono stata a casa di Addi e ho visto che suo padre è sconvolto.
Ava : Chi non lo sarebbe ? Ha perso sua figlia
Hadley : Mi ha chiesto di parlare al funerale, è convinto che la figlia fosse una santa
Claire : Una santa… quella stronza ha avuto quello che meritava
Willa : Claire, non dire così… se ti sentisse il detective Straight sospetterebbe di te…
Ava : Lo farebbe, soprattutto se avesse in mano… OH MIO DIO…. Dov’è ??
Viene inquadrato lo scomparto vuoto
Willa : Ava ??
Hadley : Ma sei sicura di averlo messo qui ?
Claire : Siamo fottute ragazze
Ava : Ne sono sicura, ma non può averlo preso nessuno… è impossibile.

Il telefono di Claire squilla, lei si allontana e vediamo sua madre in ufficio

 


Connie :  Amore mio, mi spiace ma stasera non torno a casa, puoi pensarci tu alla cena ?
Claire : Si, mamma mi prenderò una pizza  vicino casa e poi tornerò a casa
Connie : Perfetto, sei la figlia che tutti vorrebbero…

Claire si avvicina alle amiche
Claire : Scusate ma io devo andare…
Willa : Te ne vai mentre abbiamo scoperto che è scomparso il vestito ?
Claire : Mi ha chiamato mia madre e devo tornare a casa.
Hadley : Non puoi vedere se qualcuno dei tuoi colleghi lo ha preso per sbaglio?
Ava : Si, aspetta gli dico “hai per caso visto un vestito rosso insanguinato che come un assassino avevo nascosto nello scomparto dietro la cassa?”
Hadley : Scusa hai ragione, ma che facciamo ?
Willa : Dove sarà ??

In quel momento vediamo un pacco contenente il vestito rosso di Addison che viene consegnato in modo anonimo al distretto di polizia.
Impiegato : Detective Straight, è arrivato questo per lei.
Brad : E cosa è ? Lo metta sul mio tavolo. Mi prendo una coca e lo verifico subito.

SERA – ROSEWOOD – UFFICIO WEDDING PLANNER

 

Alison e Emily hanno appena parcheggiato e si stanno dirigendo verso l’ufficio del wedding planner.

Ali : Ma sei sicura che è in questa strada ?
Emily : Si, sul cellulare ho l’indirizzo completo.
Ali : E questo cosa è “Quelle bambine sono mie, voi non siete nessuno per loro”.?
Emily : Ali, sono finiti i tempi in cui venivamo minacciate, sarà qualche scherzo di cattivo gusto.
Ali : Ah, ho trovato l’indirizzo. E’ questo !

Quando entrano, vengono ricevute da una donna bionda, molto procace.

GianFrancesca : Emili Filz?
Emily : GianFrancesca ?? che ci fai qui ??
Alison : Voi vi conoscete ?
Emily : Si, io e GianFrancesca ci siamo conosciute in Italia
GianFrancesca : Tu issa essere Peig, ah?
Alison(guardandola malissimo) : NO, io sono Alison
GianFrancesca : Oooh scusa assai, M’hai parlat assai e chella là, e allor stevo pensando che…
Emily : E ora sto con Alison, anzi siamo qui proprio perché ci vogliamo sposare…
Alison(infuriata) : Ma tu capisci cosa sta dicendo ?
GianFrancesca : Ma che bella pensata, stongo qua per questo, allora..

Il telefono di Alison squilla…

 

Brad : Mi scusi signora DiLaurentis se la chiamo ma avrei bisogno di parlarle urgentemente. Può venire in stazione ora ?
Alison : Guardi detective non avrebbe potuto scegliere momento migliore, vengo subito
Alison : Scusa Em, ma io devo andare…
Emily : E dove vai ?
Alison : Mi ha chiamato il detective Straight, tanto mi sembra che puoi fare da sola no? Ci vediamo a casa…

 

Emily tenta di nascondere la delusione ma non può fare altro che sorridere.
GianFrancesca : Stevam ricenn…che andate trovando tu e Peig?
Emily : Si chiama Alison.
GianFrancesca : Ah già, Alison, parla parla…sti recchij aspettan a te!.
ESTERNO – ROSEWOOD – LOCALE

 

 

Vediamo Claire vestita in maniera piuttosto succinta, entrare in un locale di spogliarelliste. Tra il pubblico notiamo il suo professore Dom Ducati ed ecco il motivo per cui le sembrava già visto.

Ragazza : Raquel tocca a te…

Parte un flashback di 6 mesi prima con protagoniste Claire e Addison.

Addison : Così sei Claire, tutta casa e chiesa di giorno e Raquel, spogliarellista e schiava del sesso di notte.. dico bene ?
Claire : Non so di cosa tu stia parlando
Addison : Mi chiedo che ne penserebbe tua madre… la sua figlioletta perfetta che fa sbavare quattro depravati togliendosi il reggiseno, ma perché Claire ?
Claire : Scusami ma devi aver sbagliato persona .
Addison : Non credo proprio
Claire  se ne sta per andare ma Addison la ferma…
Addison: Il tatuaggio Claire, non l’hai coperto bene col fondotinta

MATTINA – INTERNO – CASA DI CALEB RIVERS

 

 

Caleb apre la porta ancora mezzo addormentato e si trova una ragazza davanti.

Brenda : Caleb ?
Caleb : Brenda ??? Che ci fai qui ?
Brenda : Hai messo un annuncio dove cercavi un programmatore senior no?
Caleb : Si e hanno risposto solo inetti in informatica
Brenda : Questo perchè aspettavi me. Ci mettiamo a lavoro ?
Caleb : Certo, entra pure.

MATTINA – INTERNO – CHIESA DI ROSEWOOD

 

Si stanno tenendo i funerali di Addison Derringer e sono tutti presenti in chiesa.

Prete : Siamo qui riuniti per porre l’ultimo saluto ad Addison Derringer, una ragazza di Rosewood , che tutti i suoi cari ricordano con molto affetto.
Claire : Ragazze, notizie del vestito?
Willa : Non è il momento per parlarne
Hadley : Guardate com’è piena la chiesa, Addison avrebbe amato tutto questo
Ava : Capirai, la più popolare sia in vita che dopo la morte

Quando le ragazze escono, squillano tutti e quattro i cellulari e arriva un messaggio :

“Mi avete colpito e io colpirò voi… Cadrete una dopo l’altra – B”

                                                  FINE

Scritto da Marco Archibald Drake
Diretto da Marco Archibald Drake
Revisionato da Greta Hamad e Claudia Lamastra
Per l’accento di GianFrancesca si ringrazia Emma Kebabenito Brancato.

19748528_10155302451392420_1346775156308515155_n

 

Schermata 2017-07-18 alle 11.46.20

8x02

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...